INCLUSIONE

In questa rubrica vengono riportate le normative e le informazioni più rilevanti che coinvolgono la scuola in ordine agli interventi a favore degli alunni con B.E.S. (Bisogni Educativi Speciali) in altre parole: alunni diversamente abili, affetti da Disturbi Specifici dell'Apprendimento, portatori di svantagigo scoio culturale, stranieri.

Riportiamo di seguito la definziione di B.E.S. tratta dalla Direttiva del Ministero dell'Istruzione del 27 dicembre 2012.

"Bisogni Educativi Speciali (BES)

L’area dello svantaggio scolastico è molto più ampia di quella riferibile esplicitamente alla presenza di deficit. In ogni classe ci sono alunni che presentano una richiesta di speciale attenzione per una varietà di ragioni: svantaggio sociale e culturale, disturbi specifici di apprendimento e/o disturbi evolutivi specifici, difficoltà derivanti dalla non conoscenza della cultura e della lingua italiana perché appartenenti a culture diverse. Nel variegato panorama delle nostre scuole la complessità delle classi diviene sempre più evidente.

Quest’area dello svantaggio scolastico, che ricomprende problematiche diverse, viene indicata come area dei Bisogni Educativi Speciali (in altri paesi europei: Special Educational Needs). Vi sono comprese tre grandi sotto-categorie: quella della disabilità; quella dei disturbi evolutivi specifici e quella dello svantaggio socioeconomico, linguistico, culturale."

 

Circolare n. 8 del 6/3/2012 (esplicativa della direttiva del 27/12/2013)

Direttiva del MIUR del 27 dicembre 2012 sui Bisogni Educativi Speciali

Protocollo di intesa SCUOLE DELL'ASL DI MONZA E BRIANZA per l’integrazione scolastica degli alunni con disabilità

Indicazioni generali relative ai Disturbi Specifici di Apprendimento (u.s.r. LOMBARDIA Prot. n. 17316 del 3 ottobre 2012

 

Collegamenti a siti internet che si occupano dell'argomento:

 CTRH - Centri Territoriali Risorse per la disabilità (ctrh) in provincia di Monza e Brianza 

INAIL-SITO SUPERABILE

ANFFAS

http://sostegno.forumattivo.com/